Quanto è importante la radioterapia per le malattie della tiroide?

, Jakarta – La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla situata nella parte anteriore del collo, precisamente avvolta intorno alla trachea (trachea). Queste ghiandole lavorano per aiutare il corpo a controllare molte delle funzioni vitali del corpo. Quando questa ghiandola viene disturbata, anche le funzioni vitali del corpo ne risentono.

Se il corpo produce troppo ormone tiroideo, una persona si troverà in una condizione chiamata ipertiroidismo. Se il corpo produce troppo poco ormone tiroideo, una persona può sviluppare ipotiroidismo. La radioterapia è uno dei trattamenti che possono essere scelti per trattare le malattie della tiroide. Tuttavia, quanto è importante fare questo trattamento?

Leggi anche: Conoscere 6 preparativi prima della radioterapia

Informazioni sulla radioterapia per il trattamento delle malattie della tiroide

La ghiandola tiroide funziona assorbendo lo iodio nel corpo. La radioterapia o nel mondo medico indicata come iodio radioattivo o iodio radioattivo è spesso necessaria per trattare le malattie della tiroide, in particolare il cancro alla tiroide.

Questa terapia funziona con cellule tiroidee incontrollate che assorbono lo iodio in eccesso. Questo trattamento funziona anche per ridurre il tessuto tiroideo che non può essere rimosso chirurgicamente o per trattare alcuni tipi di cancro alla tiroide che si è diffuso ai linfonodi e ad altre parti del corpo.

Secondo Società americana del cancro, La radioterapia aiuta le persone con carcinoma tiroideo papillare o follicolare che si è diffuso al collo o ad altre parti del corpo a vivere più a lungo. Sfortunatamente, la terapia con radioiodio ha scarsi benefici evidenti per le persone il cui cancro non si è diffuso o può essere completamente rimosso con un intervento chirurgico. Pertanto, assicurati di discutere e considerare questo trattamento prima con il tuo medico.

Se hai intenzione di visitare l'ospedale per vedere un medico, puoi fissare un appuntamento con il medico in anticipo tramite l'app . Basta scegliere il medico dell'ospedale giusto in base alle proprie esigenze attraverso l'applicazione.

Preparazione prima di sottoporsi alla procedura con iodio radioattivo

Una persona che sarà sottoposta a radioiodio deve avere alti livelli di ormone stimolante la tiroide (TSH o tireotropina) nel sangue. Questo ormone induce il tessuto tiroideo e le cellule tumorali ad assorbire lo iodio radioattivo in eccesso. Se la tiroide è stata rimossa, ci sono diversi modi per aumentare i livelli di TSH prima di sottoporsi a radioiodio.

Leggi anche: Queste 4 malattie richiedono la radioterapia

Un modo è interrompere l'assunzione di pillole di ormone tiroideo per alcune settimane. Questo mira ad abbassare l'ormone tiroideo (ipotiroidismo), in modo che la ghiandola pituitaria rilasci più TSH. Questo ipotiroidismo intenzionale è temporaneo, ma spesso causa sintomi come affaticamento, depressione, aumento di peso, stitichezza, dolori muscolari e riduzione della concentrazione.

Un altro modo è quello di ottenere iniezioni di tireotropina che possono trattenere l'ormone tiroideo per lungo tempo. Questo farmaco deve essere somministrato quotidianamente per 2 giorni, seguito da un trattamento con radioiodio il giorno 3. La maggior parte dei medici raccomanda inoltre che le persone con malattie della tiroide seguano una dieta a basso contenuto di iodio per 1 o 2 settimane prima del trattamento.

C'è il rischio di effetti collaterali?

Dopo aver subito la procedura, il corpo emetterà radiazioni per qualche tempo. A seconda della dose di iodio radioattivo utilizzata, il paziente potrebbe dover essere in ospedale per diversi giorni dopo il trattamento e collocato in una stanza di isolamento speciale per prevenire l'esposizione alle radiazioni ad altri. Effetti collaterali a breve termine della radioterapia, come:

  • Dolore al collo e gonfiore;
  • Nausea e vomito;
  • Gonfiore e tenerezza delle ghiandole salivari;
  • bocca asciutta;
  • Modifiche per riconoscere i sapori.

Leggi anche: Cose a cui prestare attenzione dopo aver fatto la radioterapia

Se si verificano i sintomi di cui sopra dopo aver subito la radioterapia, è possibile masticare una gomma o succhiare caramelle dure per aiutare con i problemi delle ghiandole salivari.

Riferimento:
Clinica di Cleveland. Accesso effettuato nel 2020. Malattia della tiroide.
Società americana del cancro. Accesso al 2020. Terapia con iodio radioattivo (radioiodio) per il cancro alla tiroide.