Perché chi soffre di ictus si comporta come un bambino?

, Jakarta – L'ictus è un disturbo che si verifica nel cervello a causa della rottura di un vaso sanguigno o di un blocco che riduce l'afflusso di sangue. Ciò fa sì che il cervello non possa funzionare correttamente e persino muoia se non controllato. Questo disturbo si manifesta generalmente in persone più anziane, anche se non esclude di attaccare anche persone ancora giovani.

Inoltre, ci sono molti effetti avversi che possono verificarsi durante o dopo che una persona ha avuto un ictus. Alcune persone si lamentano che le persone con questo disturbo si comportano come bambini. Qual è la ragione per cui questo può causare cambiamenti significativi in ​​qualcuno con il disturbo nel cervello? Ecco la recensione!

Leggi anche: Quali sono le cause dell'ictus? Ecco 8 risposte

Motivi per i pazienti colpiti da ictus sperimentano cambiamenti nelle emozioni e nella personalità

Secondo i dati sulla salute pubblicati dalla Stroke Foundation, le persone possono sperimentare cambiamenti emotivi e di personalità dopo un ictus. Questi cambiamenti emotivi e di personalità tendono a portare a comportamenti dei bambini che non sono appropriati per la loro età.

I cambiamenti nel comportamento delle persone con ictus sono strettamente correlati all'impatto neurologico e al danno cerebrale dovuto all'ictus. Comportamento infantile mostrato dai sopravvissuti all'ictus, inclusi scoppi emotivi, impulsività e inibizione dell'interazione sociale. Tuttavia, perché questo accade? Ecco alcuni motivi:

1. Forma del sistema di coping

Un ictus è un'esperienza traumatica in cui ognuno avrà un'esperienza e un impatto diversi. Secondo una ricerca sulla salute condotta da Flin Rehab, quasi un terzo dei sopravvissuti all'ictus sperimenta alcuni problemi emotivi dopo un ictus.

Il comportamento infantile è usato come una forma di meccanismo di coping. Alcuni pazienti si comportano come bambini, per aiutarli a gestire lo stress associato alla vita dopo un ictus.

Il comportamento infantile è spesso un grido di aiuto o una ricerca di attenzione. Ciò è particolarmente vero per i sopravvissuti all'ictus la cui indipendenza è limitata. Oltre ad essere una gestione di coping, il danno all'area del lobo frontale fa sì che i pazienti con ictus si comportino in modo impulsivo.

Il lobo frontale è la parte del cervello responsabile del controllo del movimento, della parola, del comportamento, della memoria, delle emozioni, della personalità e delle funzioni intellettuali, come i processi di pensiero, il ragionamento, la risoluzione dei problemi, il processo decisionale e la pianificazione. Gli ictus in quest'area del cervello possono causare comportamenti, ad esempio nei bambini piccoli, a causa di emozioni instabili e perdita di giudizio nel fare le cose.

2. Condizioni di demenza vascolare

La demenza vascolare è il risultato di una serie di ictus o altri fattori che riducono il flusso sanguigno al cervello. Le persone che hanno avuto un ictus non soffrono necessariamente di demenza, ma piuttosto di confusione, incapacità di esprimere giudizi positivi, malumore e altri cambiamenti comportamentali.

Quindi, c'è una tendenza in cui le persone con ictus scaricano la loro frustrazione su coloro che sono più vicini a loro, in particolare i membri della famiglia. Quindi, non è raro che il malato agisca con rabbia, rifiuti di mangiare e talvolta sia troppo viziato, quando è vicino ai suoi familiari.

In effetti, il comportamento infantile sperimentato da persone che hanno avuto un ictus può essere permanente, ma potrebbe non esserlo. Dipende dalla gravità del danno cerebrale e da come viene gestito dopo l'ictus.

Tieni presente che i cambiamenti nell'atteggiamento e nel comportamento, così come i malati di ictus emotivo, sono normali. Ci vuole forza d'animo da parte della famiglia o degli operatori sanitari per trattare con i membri della famiglia che hanno avuto un ictus.

Leggi anche : Guardare spesso mentre si mente può provocare un ictus, davvero?

Supporto emotivo per pazienti e famiglie

Certo non è facile, ma ci vuole impegno e gestione psicologica, partecipazione ad attività divertenti per poter affrontare i familiari che hanno avuto un ictus. L'esercizio fisico è un modo efficace per regolare e migliorare l'umore. Non solo, l'esercizio può allenare i lobi frontali, quindi funzionano meglio, migliorano le emozioni e rilasciano sostanze neurotrofiche e neurochimiche che aiutano la riparazione cellulare.

Naturalmente, l'esercizio post-ictus è di per sé una sfida. Pertanto, è necessario lavorare con un fisioterapista per fornire indicazioni sui tipi di esercizi che le famiglie possono applicare di routine. Si va dall'esercizio aerobico al semplice spostamento di alcune parti del corpo per aumentare la frequenza cardiaca e ripristinare la funzione.

Questa attività positiva non è solo utile per i pazienti colpiti da ictus, ma anche per gli operatori sanitari e i familiari. Se necessario, è meglio che la famiglia si unisca a una comunità in grado di fornire rafforzamento mentale, condividere e raccontare storie sul processo di cura delle persone con ictus.

Per quelli di voi che hanno familiari che hanno avuto un ictus, non arrendetevi e state con loro. Se hai bisogno di supporto o di un posto dove parlare, prova a chiedere alle persone più vicine a te di rimanere al tuo fianco, qualunque cosa accada. Ricorda se i tuoi genitori sono qualcuno che è molto determinante per te, quindi fallo con tutto il tuo cuore.

Leggi anche: Le persone con ictus possono recuperare completamente?

Inoltre, puoi anche interagire con medici o psicologi esperti nei loro campi, che cercheranno di fornirti la migliore soluzione per affrontare l'ictus. Come, basta? Scarica applicazione tramite Google Play o App Store. Attraverso le caratteristiche Contatta il dottore puoi scegliere di chattare attraverso Video/chiamata vocale o Chiacchierata sempre e ovunque. Scarica proprio adesso!

Riferimento:
Stroke Foundation.org. Accesso 2021. Cambiamenti emotivi e di personalità dopo la scheda informativa sull'ictus.
Riabilitazione di selce. Accesso 2021. Comprensione del comportamento infantile dopo l'ictus e come gestirlo.